Editoriale

Il NACFC di quest'anno ha ospitato diverse sessioni sui risultati dei modulatori di CFTR, inclusa la prima sessione plenaria in cui sono stati riconsiderati gli outcome del trattamento delle riacutizzazioni nell’era dei modulatori. Sempre nell’ottica di una malattia che cambia è stato discusso, nella seconda plenaria, il ruolo delle terapie antinfiammatorie e di clearance mucociliare. Molte sessioni sono dedicate alla ricerca di base, inclusa la correzione delle mutazioni di I classe ed i risultati della tecnica CRISP/CAS9. Molte sessioni, inoltre, si sono concentrati su importanti aspetti clinici quali la gestione del danno epatico, il microbioma polmonare, diabete, controllo del dolore, infezione da micobatteri non tubercolari. L’ultima plenaria ha sottolineato l’importanza di una terapia multidisciplinare e dei consorzi per la cura della fibrosi cistica.

Dr. Fabio Majo
 

Cystic Fibrosis Unit
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Rome, Italy

In partenario con

Le ultime comunicazioni

Vive al Congresso NACFC del 2018
Denver, 18-20 octobre

Argomento: Clinica

Effetto a lungo termine dell'azitromicina

Quitterie Reynaud

I vantaggi dell'azitromicina nel contesto della colonizzazione cronica di Pseudomonas sono ampiamente dimostrati nei primi 6-12 mesi di utilizzo. Il...
Argomento: Modelli in vitro

Le proprietà bioelettriche e le risposte farmacologiche misurate nelle cellule nasali riflettono quelle misurate nelle cellule bronchiali

I Sermet-Gaudelus

Le cellule nasali rappresentano un modello interessante per la ricerca, ma ancora non del tutto convalidato. Strisce nasali e bronchiali...
Argomento: Clinica

Introduzione della cultura della ricerca clinica in un centro di fibrosi cistica

Bruno Ravoninjatovo

Dopo aver scoperto che i suoi pazienti non erano a conoscenza degli studi clinici condotti presso il suo centro e...

Quale trattamento offrire per le mutazioni rare?

Sébastien Kiefer

Dal 7 al 10% dei pazienti con mutazioni ultra rare attualmente non ha accesso a nuovi trattamenti per la fibrosi...
Argomento: Clinica

Pazienti con fibrosi cistica sottopeso: follow-up post-trapianto nel registro UNOS

Bruno Ravoninjatovo

La denutrizione è un ostacolo al trapianto polmonare nei pazienti con fibrosi cistica avanzata. Per determinare se i pazienti trapiantati...
Argomento: Modelli in vitro

Le cellule staminali: un modello per le terapie cellulari?

I Sermet-Gaudelus

Per testare i modulatori della proteina CFTR secondo i genotipi, le linee cellulari si dimostrano insufficienti poiché esprimono il DNA...
Argomento: Clinica

Le cure palliative sono appropriate per i pazienti affetti da fibrosi cistica in attesa di trapianto polmonare?

Bruno Ravoninjatovo

Non esiste una prassi standard relativa alle cure palliative nel trapianto di polmone. L'indagine riferita da Elisabeth Delon della Chapel...
Argomento: Modelli in vitro

Le mutazioni nonsenso legate ai codoni di stop prematuri nelle linee cellulari corrette con 16HBEo- presentano una sensibilità diversa al sistema di degradazione dell'mRNA

I Sermet-Gaudelus

Le linee di espressione di cellule eterologhe sono di interesse limitato, poiché non contengono introni e, nel contesto dello studio...
Argomento: Clinica

Il miglioramento della funzione respiratoria modifica l'incidenza del diabete?

Quitterie Reynaud

Il miglioramento complessivo dello stato di salute dei pazienti pediatrici con fibrosi cistica, e più in particolare della loro funzione...
Argomento: Clinica

Efficacia e tossicità nella terapia delle infezioni da micobatteri non tubercolari: un equilibrio difficile?

Quitterie Reynaud

Le infezioni da micobatteri non tubercolari sono una terapia a lungo termine che coinvolge diversi antibiotici potenzialmente responsabili della tossicità...

Pagine