Tu sei qui

Gastrointestinal tract

I probiotici sono utili ?

Il microbioma intestinale è modificato da diversi fattori tra cui l'alimentazione, lo stato immunitario, la modifica del pH intestinale, l'insufficienza pancreatica e l'utilizzo di antibiotici. Nella mucoviscidosi, il microbioma è modificato con un esaurimento dei ceppi di Bifido bacterium, Clostridium genera, Eubacterium limosum, Faecalibacterium e Bifidobacterium. Parallelamente, esiste un'infiammazione cronica del tubo digerente (valutato dal dosaggio della calprotectina fecale) che modifica anche il microbiota. Questa disbiosi può alterare la motilità e la permeabilità intestinale, il sistema immunitario e anche altri organi a distanza dal tratto digerente, come il polmone.

È stato dimostrato che l'utilizzo dei probiotici modula l'infiammazione bronchiale legata all'allergia e che riduce le esacerbazioni bronchiali nella fibrosi cistica. Ma due nuovi studi prospettici in doppio cieco e cross-over, uno con Lactobacillus GG e l’altro con Lactobacillus GG e Rhamnosus e Bifidobacterium Animalis non confermano questi dati.

L'interesse dei probiotici sembra evidente ma altri studi sono necessari per precisare il loro posto, i loro tipi e la migliore popolazione target (bambino, adulto). 

Referencia

CONGRES NACFC 2017 - Venerdì 3 novembre 2017 
S11—CLIN: Medications, CF and the gastrointestinal tract
Wilschanski M

Auteur

Dr Nadine Dufeu

CHU Marseille, France 

Service de Pneumologie du Pr Reynaud-Gaubert
CRC Mucoviscidose, transplantation pulmonaire, CdC HTAP-Maladies Rares Pulmonaires 
Hôpital Nord - CHU de Marseille