Tu sei qui

Exacerbations

Infezioni virali ed esacerbazioni

Nel bambino, oltre la metà dei ricoveri ospedalieri per esacerbazione polmonare è associata a un'infezione virale, più di frequente secondaria al rinovirus. L'effetto delle infezioni virali nell'adulto è stato meno studiato.

L'équipe di Denver ha condotto uno studio durato 3 anni su 942 ricoveri ospedalieri per esacerbazioni in 276 pazienti. Lo studio virologico è stato condotto sistematicamente al momento dell'ammissione mediante PCR del virus su tampone nasofaringeo per 18 virus.

Il campione è stato positivo nel 18,7% dei casi. Il quaranta per cento dei pazienti ha presentato almeno un episodio virale. Nel 54% dei casi si è trattato di rinovirus, nel 9% del virus dell'influenza di tipo A (H3), nel 6% del virus respiratorio sinciziale, quindi del virus influenzale di tipo B e del coronavirus. Gli episodi virali si sono verificati durante tutto l'anno, con un incremento da dicembre a febbraio.

La coorte di 79 pazienti che avevano contratto un'infezione virale che giustificava un ricovero ospedaliero in questi 3 anni era più giovane di quella dei pazienti che non avevano contratto un'infezione virale (31 contro 34 anni). D'altro canto, non si è rilevata alcuna differenza tra le 2 coorti per quanto riguarda il FEV1, la colonizzazione bronchiale o il tipo di mutazioni. L'infezione virale non ha prolungato la durata del ricovero ospedaliero e non ha modificato la durata del trattamento antibiotico.

Tuttavia, e questo è il risultato significativo dello studio, solo la metà (48,7%) dei pazienti la cui esacerbazione è stata indotta da virus ha ritrovato il 90% del FEV1 basale contro il 61,1% dei pazienti senza infezione virale. Infine, il periodo tra le esacerbazioni (prima e dopo l'esacerbazione studiata) è stato più breve nel gruppo con l'infezione virale.

Questo studio suggerisce che le infezioni virali respiratorie aumentano la frequenza delle esacerbazioni e determinano una degradazione funzionale più sensibile. 

Referencia

CONGRES NACFC 2017 - Sabato 4 novembre 2017
Epidemiology
Nick J

Auteur

Dr Nadine Dufeu

CHU Marseille, France 

Service de Pneumologie du Pr Reynaud-Gaubert
CRC Mucoviscidose, transplantation pulmonaire, CdC HTAP-Maladies Rares Pulmonaires 
Hôpital Nord - CHU de Marseille